mercoledì 27 luglio 2011


Ecco che è arrivato fine luglio e siccome la maggior parte delle persone (qua in Europa) vanno in vacanza, ne approfitto  anche io e mi prendo qualche giorno per ricaricare le batterie.
Torno presto… Buone vacanze!




giovedì 14 luglio 2011

La bella del mese: Bouganville, Tentazioni Pericolose

Anche oggi l’Orto Botanico si soffermerà su una pianta delicata, subtropicale e sudamericana: la Bouganville. La primavera è il periodo giusto per parlare di queste piante poiché è la sola stagione in cui i vivai ne sono ben forniti: è quindi proprio il momento giusto per mettervi in guardia, o voi, cari lettori, ignari della minaccia. Paura eh? Per chi senza pensieri passeggia in un vivaio lombardo il pericolo è dietro l’angolo.
Sembra di vederlo, lo spensierato avventore, ciondolare in un caldo pomeriggio primaverile, tra bancali traboccanti di piante colorate. E a un tratto la vede, è lei, proprio lei, la pianta dei suoi sogni. Mamma mia quanto è bella!
Come si chiama? Bouganville. Che bel nome! La prendo.

Ed eccolo quindi il nostro eroe, arrancare verso casa trascinando una gigantesca pianta dai fiori viola.
Orribilmente sudato, quasi morto per la fatica, ma felice.
E la minaccia? Va bene, andiamo al sodo: il poverino non sa che la sua pianta ha pochissime probabilità di essere ancora viva la primavera seguente.

E già, la miserella ha praticamente i giorni contanti. Il problema è che questa pianta, venduta con colpevole disinvoltura, è praticamente incoltivabile nel Nord Italia. Infatti la tolleranza al freddo di tutte le specie appartenenti al genere Bouganvillea è veramente limitata. Diciamo che se il termometro scende sotto lo 0 possiamo serenamente pensare all’organizzazione di un bel servizio funebre per il nostro freddoloso rampicante. Disgraziatamente la maggior parte dei vivaisti si guarda bene dall’avvertire i clienti di questo non trascurabile difetto.

San Paolo, Brasile: le meravigliose Bouganville

In riviera, nel Centro Italia e a al Sud il discorso cambia: si possono avere i più monumentali e incantevoli esemplari di Bouganville che si possano sognare. Quindi in questi casi è una pianta veramente raccomandabile. Al Nord invece non fatevi incantare dalla sua bellezza. Quando come una moderna Sirena di Ulisse cercherà di ammaliarvi dal suo bancale tirate dritto, lasciate perdere, iniziate a correre, scappate via. Perché la tentazione di portarla a casa sarà davvero forte.

E io lo so molto bene: con lungimiranza da talpa miope pochi giorni fa ho comprato una Bouganville per la mia casetta milanese. Sì lo ammetto, l’ho comprata, ho ceduto alla tentazione. Un po’ mi vergogno, ma si sa, l’amore è cieco. Ora non mi resta che sperare nell’effetto serra. Mi sembra il minimo: con tutte le angosce che questo orribile fenomeno da, che almeno serva a far sopravvivere la mia bouganville.
La Bougainville è sud americana, spontanea nella fascia tropicale e sub tropicale; è un rampicante vigoroso e di veloce accrescimento. Quelli che sembrano gli splendidi fiori sono in realtà delle brattee, ovvero delle foglie che circondano il fiore vero e proprio, di per sé insignificante. Queste foglie modificate possono essere di diversi colori nelle varie specie: esistono viola, bianche, arancioni, rosse e gialle. In Italia le specie a “fiore” viola sono di gran lunga le più diffuse.

Il genere Bougainvillea conta 14 specie e deve il nome all’esploratore francese Monsieur De che la prelevò a Rio de Janeiro e malvagio la deportò in Europa nell’800. Qui, dato il clima, non ebbe vita facile, solo nelle zone più miti riuscì ad acclimatarsi e a proliferare.
Insomma è una pianta veramente difficile, se decidete di comprarla prendete tutte le misure necessarie per farla sopravvivere all’inverno e comunque siate fatalisti: tante volte è il destino a scegliere e noi possiamo solo stare a guardare.

Liguria: la Bouganville tra le Hydrangee e Rincospermi
(foto inviata dalla mia amica Camilla De Giorgi)
 

ALCUNE SPECIE CONSIGLIATE:
In Italia sono due le specie reperibili: la Bougainvillea glabra e la Bougainvillea spectabilis. Entrambe sono delicatissime ma la prima offre qualche garanzia in più di sopravvivere al freddo.
Sono tutte e due piante bellissime che offrono una scelta di colori ampissima: esistono varietà con fiori (brattee per essere precisi) rosso sangue, rosa salmone,giallo canarino, viola intenso e moltissime altre sfumature. Come detto le varietà a fiori viola sono le più diffuse.

COME SI COLTIVA:
E’ una pianta che predilige di gran lunga le posizioni molto soleggiate: farla crescere contro un muro esposto a Sud è la scelta più indicata. Ama un terreno ricco di sostanze nutritive e che sia molto permeabile.
Della sua poca rusticità abbiamo già detto. Le contromisure che si possono adottare sono sempre quelle: pacciamatura, ricovero in serra fredda (o per i danarosi in serra calda) fasciatura con tessuti adatti ecc.
Se la vostra bouganville avrà superato l’inverno è raccomandabile asportare tutti i rami secchi e bruciati dal gelo.
La riproduzione si può effettuare per talea solamente in serra riscaldata. In Italia la riproduzione per seme non è praticabile.

Nome scientifico: Bougainvillea,
Nome comune: Bouganville, Buganvillea, Bougainville,
Famiglia: Nyctaginaceae
Esposizione: Sole,
Aspetto: Rampicante o arbusto
Origine: Sud America,
Epoca di fioritura: Primavera-Estate


Scritto da Pietro Bruni

Foto: Glaucia Contiero / Camilla De Giorgi


mercoledì 6 luglio 2011

Le cose da fare a luglio!


1) Piantare i bulbi come Crochi, Colchicum, Sternbergia, Amaryllis e Nerine;

2) Potare alcune piante (come Geranio e Delfinium) dopo la prima fioritura: questo taglio, insieme a una opportuna concimazione, sarà d’aiuto per stimolare la seconda fioritura;

3) Bagnare le piante preferibilmente al mattina presto o di sera, evitando così di danneggiare le radici e le foglie delle piante;

4) Raccogliere i semi delle piante che si vuol far crescere l’anno prossimo, specialmente delle annuali come la calendula e il papavero;

5) Questo non è una cosa da fare nel vostro giardino, ma per svilupparne la sua bellezza penso sia un compito importante quanto la concimazione: uscite e visitate i parchi pubblici e i giardini della vostra città o meglio, se ne avete la fortuna, quelli in giro per il mondo.
Guardate, toccate, annusate… e poi carichi di idee e di entusiasmo siate pronti a trasporre nel vostro giardino le idee e le aspirazione che avete colto fuori. E’ così che si fa il salto di qualità: non smettendo di imparare;

Per gli amanti dell’ orto come me, rimboccatevi le maniche:

1) Seminare i cavoli, rape, ortaggi orientali, cicoria, finocchi e ancora le carote;

2) Assicurarsi che tutte le verdure ottengano un regolare rifornimento d'acqua.
Aiuterà uno sviluppo sano, contribuendo ad evitare le malattie.


Foto: Illustrazione

lunedì 4 luglio 2011

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...